mercoledì 17 ottobre 2012

Mantella dorata, verso l'estinzione

Foto dalla rete
La Mantella dorata (nome scientifico Mantella aurantica) è una piccola rana terrestre e diurna (2-3 centimetri le sue dimensioni) che vive esclusivamente in una ristretta area del Madagascar.
La sua caratteristica è una colorazione del manto che varia dal giallo all'arancione (nei giovani è invece verde oliva e nera). Questa colorazione degli esemplari adulti è ritenuta aposematica (ovvero una forma di avvertimento verso possibili predatori) anche in considerazione della tossicità della sua pelle. La famiglia delle Mantellidi (che sono Anuri, ovvero il nome scientifico di rane, rospi e raganelle) è composta da oltre 130 specie tutte endemiche del Madagascar (e purtroppo quasi tutte minacciate di estinzione). Sono tutte "rane" colorate, di cui la Mantella dorata è una delle più belle e, suo malgrado,  la più prossima all'estinzione.
Foto da Wikipedia
Vive in una ristrettissima area della zona centro-orientale del Madagascar, tra la palude di Toratorofotsy e la foresta di Andranomena, ad un'altitudine intorno ai 900 metri. 
L'area del suo habitat è estremamente limitata, infatti gli studiosi la stimano intorno ai 10 chilometri quadrati. Per questa ragione, sin dal 2004, l'IUCN, il maggior organismo internazionale per la conservazione della natura, l'ha inserita nella Lista Rossa delle specie in pericolo, classificandola come in pericolo critico di estinzione.
Infatti il suo habitat naturale è andato via via diminuendo a causa dell'azione antropica (tra cui il fuoco dato alle foreste), mentre la specie è ricercata dai collezionisti di animali esotici del mondo intero. Già da tempo si è provveduto a limitarne, di molto, il commercio legale.
Ufficialmente l'animale è conservato anche in una trentina di zoo del mondo e in molte collezioni private.

Ecco una ricca collezione fotografica nel sito ArKive
Questa invece è la scheda della Lista Rossa dell'IUCN

Vai alla pagina di Sancara sugli Animali dell'Africa

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento