martedì 27 dicembre 2011

Cinema: Giorni di guerra

Giorni di guerra (trasposizione italiana, di poco effetto, del francese L'ennemi intime) è un film del francese Florent Emilio Siri, uscito nel 2007 e sceneggiato da Patrick Rotman.
E' un film bellico, che racconta, dalla parte dei francesi, la guerra tra le montagne della Cabilia in Algeria sul finire degli anni '50 (per l'esattezza a partire dal giugno 1959) durante la guerra di liberazione algerina (1954-1962).
La guerra dell'Algeria (ovvero la lotta per l'indipendenza del popolo algerino) iniziò "ufficialmente" il 1 novembre 1954, per chiudersi, con gli accordi di Evian, il 19 marzo 1962, che decretarono l'indipendenza dell'Algeria (1 luglio 1962). 
E' un film che affronta il dramma della guerra, sottolineandone più gli aspetti psicologici ed individuali, che quelli storici e/o politici. Un film francese che forse per la prima volta racconta la guerra d'Algeria (probabilmente una delle più atroci guerra coloniali, dopo quella del Vietnam) con lo stesso stile con cui i registi americani hanno affrontato, oramai decenni addietro, il tema della guerra del Vietnam. Infatti in Francia il film è stato molto criticato e non ha ottenuto un grande successo (in Italia non è neanche uscito nelle sale). La contestazione è avvenuta non tanto sul piano storico-politico, ma su quello appunto stilistico non piaciuto ai francesi. Una scelta quella del regista, di indagare soprattutto sugli aspetti psicologici che coinvolgono il luogotenente idealista Terrien, interpretato da Benoit Magimel (convinto di essere stato inviato in una missione di pacificazione, perchè questo diceva la propaganda in patria) e il sergente Dougnac, interpretato da Albert Dupontel, militare duro e puro, reduce dalla guerra di Indocina, abituato ad atrocità di ogni genere.


Il film dimostra l'atrocità della guerra e la follia umana che spesso - dietro di essa - si nasconde, senza entrare nelle questioni politiche e storiche che sono state alla base del conflitto algerino.
Nel finale delle scritte ci ricordano gli oltre 2 milioni di militari francesi inviati nella zona di guerra e gli oltre 500 mila morti, in maggioranza algerini, di questo conflitto coloniale.
Il film è girato totalmente in Marocco.


Sancara aveva già recensito un film che trattava la Guerra d'Algeria, La battaglia di Algeri (1966) dell'italiano Gillo Pontecorvo. Un film impegnato, di uno stile completamente differente.

Vai alla pagina di Sancara Film sull'Africa

2 commenti:

Francesca Pendergast ha detto...

A coloro che fossero interessati all'Algeria ed al suo popolo suggerisco Fellag http://www.fellag.fr/, uno dei migliori attori comici algerini (fa una piccola parta in Ennemi Intime, per questo mi è venuto in mente). Da anni scrive e porta in giro degli spettacoli stupefacenti e satirici sulla storia e la cultura algerina e la cabilia (sua regione natale). Per scoprire che anche i paesi arabi fanno ridere ;)

Gianfranco Della Valle ha detto...

Grazie Francesca per questa bellissima segnalazione (devo confessarti che non lo conoscevo.... ma ho dei seri problemi con il francese!). Mi piace il finale del tuo discorso..."anche i paesi arabi fanno ridere", che significa che sanno farlo e molto bene! ciao e auguri
Gianfranco

Posta un commento