sabato 13 novembre 2010

Libri: La mia Africa

La mia Africa (Out of Africa) è un romanzo autobiografico pubblicato la prima volta nel 1937 dalla scrittrice e pittrice danese Karen Blixen, pseudonimo di Karen Christentze Dinesen, baronessa von-Blixen-Finecke (1885-1962).
In Italia è stato pubblicato nel 1959 da Feltrinelli.
La storia è quella della permanenza in Kenya dell'autrice, dal 1914 al 1931. Karen parte per l'Africa assieme al cugino di secondo grado, lo svedese Bror vonBlixen-Finecke, che sposerà a Mombasa nel 1914 , il 2 dicembre 1913. Assieme acquistano una fattoria con una piantagione di caffè vicino Nairobi. Nel 1921 i due divorzieranno e Karen resterà da sola a dirigere la piantagione fino al 1931, quando una crisi del mercato del caffè e la morte del suo compagno , il cacciatore Danys Finch Hatton, avvenuta il 14 maggio 1931, per un incidente aereo, la costringerà a lasciare per sempre l'Africa, ritornando il 31 agosto 1931 in Danimarca.
La storia di quell'esperienza in Africa, che pubblicherà nel 1937, resterà il suo capolavoro letterario.
La Blixen descrive con un linguaggio piacevole e denso di particolari un'epoca, quella coloniale, che lei vede con occhi curiosi e privi di quei preconcetti e di quelle certezze di "superiore civiltà", rispetto all'Africa, tipica dei bianchi di quel tempo. Ella si immerge nella strepitosa natura dell'Africa, guidata dai suoi abitanti , i Kikuyu (l'etnia di quello che sarà il primo presidente del Kenya, Yomo Kenyatta, di gran parte dei ribelli Mau-Mau e del premio Nobel 2004 Wangari Maathai) che con lei instaurano un rapporto di fiducia e di reciproco rispetto, grazie anche ad un giovane aiutante della Blixen nella fattoria, Kamante.
Questo stretto rapporto con la natura, con i suoi pregi e difetti, e con i popoli indigeni (nel racconto si parla anche dei Masai e dei Somali) porteranno la Blixen a sostenere una superiorità dell'Africa, rispetto all'Europa, in quanto "più pura e più vicina a quanto Dio aveva preparato per gli uomini".

Nel 1985 vi fu un adattamento cinematografico del libro, diretto da Sydney Pollack e interpretato da una strepitosa Maryl Streep e da Robert Redford (che interpreta Danys Hatton), vincitore di 7 premi Oscar nel 1986.

Karen Blixen (nella foto) morirà a Copenaghen il 7 dicembre 1962 a causa delle complicanze della sifilide che aveva contratto dal marito alla fine del primo anno di matrimonio.
Vale la pena ricordare che Karen Blixen è autrice anche di una raccolta di racconti, Capricci del destino, al cui interno vi è un racconto Il pranzo di Babette, che nel 1987 ha ispirato un'altro straordinario film interpretato da Stephane Audran.

2 commenti:

Ferruccio gianola ha detto...

Per me rimane uno dei più bei libri scritti da una donna, ma non fraintendermi:-)

GianfrancoDellaValle ha detto...

Concordo che sia un libro molto bello, sia per lo stile narrativo sia per la storia intensa e particolare. Un libro bello mi sembra che non abbia genere...... ovviamente capisco il senso della tua affermazione. Ciao, grazie e complimenti per il tuo blog
Gianfranco

Posta un commento